venerdì 19 ottobre 2007

Il bello del mio lavoro.

Insomma non mi posso proprio lamentare.
per tantissimi motivi.
del mio lavoro, che per me è quasi un hobby.
Ieri mattina sono stato al Tempio del SS. Redentore (a Venezia sull'isola della Giudecca) all'inaugurazione dell'anno accademico 2007/2008 dell' "Laurentianum" - Università Pontificia "Antonianum", dove tra le varie personalità c'era il Cardinale di Boston Sean Patrik O'Malley, il Patriarca di venezia Angelo Scola, l'ex Vescovo di verona Padre Flavio Roberto Carraro.
insomma, quasi tutti frati cappuccini.
Bhè, tra la conferenza, la messa solenne e il buffet finale, ho trovato anche il tempo di fare un pò il turista; diciamo che mi ha preso in simpatia tale frate Nicola, un simpaticone di Verona, che ha ben deciso da buon fratello di portarmi in giro per il romitorio e di farmi da cicerone.
Bhè.
è stato proprio un grande.
sono stato un'ora a girare tra il Tempio del Redentore (costruito dal grande architetto Palladio e terminato nel 1592), la chiesetta di Santa Maria degli Angeli che è all'interno del convento, i vari chiostri... ho imparato un sacco di cose su quel luogo che avevo sempre visto dal di fuori e mai approfondito.
E il mio lavoro me ne ha dato l'occasione, di approfondire, di accedere a luoghi riservati, di avere una guida speciale come Frate Nicola.
adesso c'è un posto di Venezia per me meno oscuro e ovattato.
Dovrei prendermi una settimana di ferie e fare il turista in questa splendida città, cartina in mano e scarpe da tennis.
è pazzesco pensare che c'è gente che arriva dal Giappone per vederla, e io che la vivo tutti i giorni da due anni mi lascio sfuggire posti così carichi di storia, di vita, ma anche di morte e dolore.
Ricordo (perchè me l'ha detto il fraticello...) che nel 1576 il doge di Venezia proclamò il voto solenne di dedicare un tempio al Santissimo Redentore se li avesse liberati dalla peste, che in quegli anni (1575-1576) mietette (si dice??.. forse meglio messe?.. vabbè, ha mietuto) più di 70 mila vittime.
e così fù.


W.

3 commenti:

Hutch ha detto...

Per queste cose: l'arte, la storia e la cultura che ci portiamo dietro, mi rimangio l'affermazione di cui sopra.

Wilkie ha detto...

Si esatto...
l'arte che abbiamo per centinaia di anni portato nel mondo è -forse- l'unica cosa che ci salva...

Den ha detto...

mietè

Penso.



ma anche no.

Venezia è bella ma non ci vivrei (cit.)